ETUDES
RECHERCHE
Contact   |   À propos du site

La spirale come metafora della vita onirica
e di itinerari spirituali in Flaubert e Shelley.

Analisi de La Spirale di Gustave Flaubert
e di Alastor, or the Spirit of Solitude di Percy Bysshe Shelley

 

Federica Giulia Sacchi

Présentation par Chiara Pasetti

L’étude de Federica Giulia Sacchi est née du séminaire que j’ai assuré pendant l’année universitaire 2013-2014 à l’université des Études de Milan. Mon séminaire avait pour titre « Flaubert et le concept de l’hallucination au XIXe siècle, entre art et science ». Federica Sacchi a fait partie des étudiants qui ont fréquenté les séances (toujours avec passion et constance). À la fin du séminaire, chaque étudiant devait écrire une petite étude d’environ 10 pages sur un sujet lié au thème principal du programme. J’ai suggéré à Federica Sacchi de travailler sur l’oeuvre de Shelley, Alastor, parce que je savais que ce livre, figurant dans la bibliothèque Flaubert, avait peut-être inspiré son projet de roman, jamais réalisé, La Spirale (riche d’images hallucinatoires, dont j’avais parlé avec les étudiants pendant les leçons). Federica Sacchi connait très bien la langue anglaise et elle a donc lu l’oeuvre de Shelley dans le texte. Elle s’est tellement passionnée pour ce sujet qu’elle a décidé de poursuivre l’analyse au dehors des devoirs universitaires. Quand j’ai lu son travail, j’ai pensé qu’il méritait d’être connu aussi par les chercheurs et les passionnés de Flaubert, et j’ai donc proposé à mon professeur, Monsieur Yvan Leclerc, sa publication sur le site Flaubert. Je le remercie vivement d’avoir accepté.

 

Il presente studio condotto da Federica Giulia Sacchi, giovane studentessa (anche se preferirei nel suo caso usare quello di studiosa), nasce dal laboratorio da me tenuto nel secondo semestre dell’anno accademico 2013-2014 presso la Cattedra di Storia della filosofia del Professor Piero Giordanetti, all’Università degli Studi di Milano. Il laboratorio aveva come tema “Flaubert e il concetto di allucinazione nell’Ottocento, al confine tra arte e scienza”. Ogni studente, al termine del laboratorio, doveva produrre un elaborato su un tema affine all’argomento trattato. Data la profonda e puntuale conoscenza di Federica della lingua inglese, le ho proposto di lavorare sul poema di Shelley Alastor, or the Spirit of Solitude, che lei poteva leggere in lingua originale, comparandolo a un progetto di romanzo da Flaubert mai realizzato, intitolato La Spirale (da me tradotto per il Domenicale del Sole24ore lo scorso anno). La studentessa ha subito accolto con passione e impegno il mio invito, e ne è nato questo studio, che credo sia meritevole di essere conosciuto non solo per l’originalità delle tematiche trattate, che si basano su due scritti meno conosciuti sia di Flaubert che di Shelley, ma anche per la padronanza espositiva e per gli accostamenti inediti che la giovane autrice ha saputo sviluppare.

 

Résumés

Cette étude veut montrer à quel point l’image de la spirale est riche de significations à la fois psychologiques et symboliques. Flaubert, comme on sait, voulait écrire un roman intitulé La Spirale, resté à l’état de scénario, dans lequel le plan de la réalité et le plan du rêve se croisent d’une façon indissoluble, comme dans une spirale. Une oeuvre antérieure à celle de Flaubert, Alastor or the Spirit of Solitude, de P. B. Shelley, présente la même structure. La vie des protagonistes s’articule sur les deux plans (réel et onirique) parce que tous les deux recherchent la vision et le rêve. L’un apprend à maîtriser ses hallucinations par le sacrifice, l’autre reste entièrement plongé dans son monde de rêveries. Il y a, dans le projet de Flaubert, des scènes exotiques qui permettent de penser qu’il doit son inspiration à l’oeuvre de Shelley (le fantomatique « pays d’Al », semble bien une référence explicite à Alastor). Un destin funèbre, enfin, rapproche les deux personnages qui, après avoir atteint un niveau de connaissance supérieur, décident de mourir.

 

La spirale è una figura dalle molteplici implicazioni psicologiche e simboliche. Flaubert, come altri importanti esponenti del Romanticismo, ideerà un romanzo in cui il piano della realtà e quello del sogno si intersecano indissolubilmente come in una spirale. Anche un’opera precedente, Alastor, or the Spirit of Solitude di P. B. Shelley, richiama questa struttura : la vita dei giovani protagonisti si articola sul piano della realtà e su quello dell’immaginazione poiché ricercano entrambi la visione e il sogno, il primo riuscendoci e imparando a governare le allucinazioni attraverso il sacrificio, il secondo no. Anche gli scenari esotici descritti da Shelley vengono ripresi da Flaubert (come la fantomatica città d’Al che sembra essere un riferimento vero e proprio all’opera di Shelley) ; un destino di morte, infine, accomuna i protagonisti i quali, dopo aver raggiunto un livello di consapevolezza superiore, scelgono di morire.

 

There are several psychological and symbolic implications within the shape of the spiral. Just like other important authors of the Romanticism, G. Flaubert conceived a story in which the structure follows a spiral’s whirl, with the reality level interlacing with the imagination one. In Alastor, or the Spirit of Solitude by P. B. Shelley, we can find a similar coil structure. In fact, in these two works, both protagonists live a life between reality and imagination because they search for visions and hallucinations obstinately : one finds out that he can control his hallucinations through sacrifice, while the other cannot find a way to control them ; G. Flaubert also seems to use the exotic landscapes described by P. B. Shelley as a reference (the elusive city of Al seems to be a shining example of that). Eventually, the two protagonists share a destiny of death : having achieved a higher awareness, they choose to take their lives.

Texte

Pour la psychologie moderne, la spirale est une image reliée au « processus d’individuation ». La recherche spiralique, le plus souvent sous la forme d’une descente, marque le point dans la vie humaine où l’être n’arrive plus à poursuivre tout le chemin de la jeunesse. Toutes les forces prospectives se trouvent frappées de paralysie ou de mort, et la vie ne peut se continuer que si l’homme entreprend une plongée dans sa propre profondeur. […]
Ainsi une renaissance de l’homme est possible par la mort d’une partie de son être antérieur. La spirale est l’expression de ce chemin qui va de la vie à la mort pour entrer à nouveau dans la vie[1].

 

Applicare questa descrizione psicanalitica del simbolo della spirale, simbolo così evocativo e ricco di implicazioni, alla letteratura, non potrebbe essere più illuminante : nel mezzo del cammino della sua vita, Dante intraprende un viaggio attraverso il tempo e lo spazio nelle viscere della terra che si snodano con la forma di una spirale discendente, per poi risalire verso il cielo seguendo il percorso di una spirale ascendente. Al termine di questo viaggio il poeta è cambiato, una parte di sé è morta ogni volta che ha perso i sensi, e la sua consapevolezza è cambiata essendo passato dalla vita alla morte, e nuovamente alla vita. Victor Hugo dice che la sua poetica fa riferimento a forme e a croci così come a spirali nelle quali si inscrivono le sue visioni[2]  ; per Baudelaire e Mallarmé, la spirale sarà vertigine e caduta dell’essere[3], nonché figura su cui comporre la struttura per le poesie[4]. Per Edgar Allan Poe si tratta addirittura di una caduta vertiginosa che « amène le silence e la mort »[5]. Gustave Flaubert, autore del sogno e dell’illusione, ha fatto delle implicazioni di questo simbolo[6] la base dell’ispirazione del plan di un romanzo (mai terminato) : un romanzo metafisico[7] in cui il piano della realtà e quello del sogno si intersecano in un moto vertiginoso e privo di limiti che porta alla conoscenza superiore. Come scrive Chiara Pasetti :

Il protagonista del plan è un pittore, che nel passato aveva avuto l’abitudine dell’hashish ma all’inizio della storia vuole a poco a poco liberarsi da questa dipendenza per riuscire ad abbandonarsi alle sue visioni senza aiuti artificiali. Dotato di ipersensibilità e di un’immaginazione prodigiosa, arriva lentamente a uno stadio di « sonnambulismo permanente », in cui, perennemente allucinato, può passare dal sensibile allo spirituale, dalla vista alla visione[8].

In questo plan riconosciamo delle tematiche e delle caratteristiche che non solo sono tipiche della letteratura romantica, ma che sembrano risentire dell’influenza di un grande poeta, Percy Bysshe Shelley, e in particolare del suo celebre poemetto Alastor, or The Spirit of Solitude. In quest’opera il protagonista non è Alastor, spirito maligno e geniale, ma un poeta, un giovane che incarna le sembianze dell’eroe romantico, solitario e devoto a Madre Natura :

There was a Poet whose untimely tomb
No human hands with pious reverence reared,
But the charmed eddies of autumnal winds
Built o'er his mouldering bones a pyramid
Of mouldering leaves in the waste wilderness :—
A lovely youth,—no mourning maiden decked
With weeping flowers, or votive cypress wreath,
The lone couch of his everlasting sleep :—
Gentle, and brave, and generous,—no lorn bard
Breathed o'er his dark fate one melodious sigh :
He lived, he died, he sung, in solitude.
Strangers have wept to hear his passionate notes,
And virgins, as unknown he passed, have pined
And wasted for fond love of his wild eyes.
The fire of those soft orbs has ceased to burn,
And Silence, too enamoured of that voice,
Locks its mute music in her rugged cell. […]

Il poeta « when early youth had past » (e dunque, per tornare a Kellen, nel punto della vita in cui l’uomo decide di intraprendere la ricerca « spiralique ») decide di partire per un viaggio per scoprire le verità più arcane che la Natura cela. Il luogo da esplorare per farlo è l’Oriente : la descrizione dei luoghi che il poeta visita – le antiche rovine di Atene, Tiro, Gerusalemme e Babilonia – ha una carica mistica che Shelley si cura di non tralasciare, attraverso un repertorio d’immagini che comprende obelischi di alabastro, templi distrutti, sfingi mutilate e demoni di marmo. Aver visto « the thrilling secrets of the birth of time » è il primo passo del poeta verso la conoscenza. Il pittore protagonista del plan di Flaubert possiede anch’egli « una sensibilità esagerata, una grande facoltà di comprensione, è molto buono, servizievole »[9], e ha già viaggiato in Oriente ; l’autore aggiunge poi che ci sarà un grande ballo in una città « (il paese d’Al) che riassume Babilonia e la Cina. – Molto vecchia, sproporzionata per quartieri differenti »[10] come scrive Anne Green :

Image ambiguë, car au plan des symboles, Babylone évoque le triomphe passager d’un monde matériel et sensible qui n’exalte qu’une partie de l’homme, et, en conséquence, le désintègre, tandis la Chine impliquerait plutôt la reconnaissance d’une vénérable et antique sagesse[11].

Alla luce di questa analisi risulta davvero fondamentale sottolineare la problematicità che la semplice annotazione « il paese d’Al » comporta. In Alastor il poeta si trova nella valle del Chashmire quando un sogno cambia il suo modo di vedere le cose : la visione di una vergine velata che parla in modo solenne porta con sé la promessa della rivelazione al mondo sovrannaturale. Èuna vera e propria allucinazione quella che si impossessa del poeta, un’allucinazione che comprende la vista di fiamme insieme alla percezione di musica, brezza e del battito del cuore della “veiled maid” :

[…] He dreamed a veilèd maid
Sate near him, talking in low solemn tones.
Her voice was like the voice of his own soul
Heard in the calm of thought ; its music long,
Like woven sounds of streams and breezes, held
His inmost sense suspended in its web
Of many-coloured woof and shifting hues.
Knowledge and truth and virtue were her theme,
And lofty hopes of divine liberty,
Thoughts the most dear to him, and poesy,
Herself a poet. Soon the solemn mood
Of her pure mind kindled through all her frame
A permeating fire : wild numbers then
She raised, with voice stifled in tremulous sobs
Subdued by its own pathos : her fair hands
Were bare alone, sweeping from some strange harp
Strange symphony, and in their branching veins
The eloquent blood told an ineffable tale.
The beating of her heart was heard to fill
The pauses of her music, and her breath
Tumultuously accorded with those fits
Of intermitted song. Sudden she rose,
As if her heart impatiently endured
Its bursting burthen : at the sound he turned,
And saw by the warm light of their own life
Her glowing limbs beneath the sinuous veil
Of woven wind, her outspread arms now bare,
Her dark locks floating in the breath of night,
Her beamy bending eyes, her parted lips
Outstretched, and pale, and quivering eagerly.
His strong heart sunk and sickened with excess
Of love. […]

Il giovane eroe percepisce che in quel momento ha acquisito un livello di conoscenza superiore, tesa all’Infinito, all’Assoluto e al sovrannaturale : raggiunta questa consapevolezza non potrà più vedere le cose con gli stessi occhi e vivere come se non fosse successo. Sarebbe dunque ragionevole pensare che, in quanto unione di Cina e Babilonia, “il paese d’Al”, il luogo esotico del mondo immaginario del pittore, si chiami così per creare un rimando al momento in cui l’eroe dei versi di Shelley si è staccato dal mondo sensibile, proiettandosi verso quello soprannaturale, ispirato dal demone Alastor con un’allucinazione, e iniziando così una vita divisa tra la ricerca del sogno e la realtà.

Mentre il giovane poeta non riuscirà più a ricadere volontariamente nello stato di trance che gli ha procurato quella visione, il pittore del plan ha capito come provocarsi le allucinazioni soltanto annusando il barattolo che contiene l’hashish, ma soprattutto capirà che potrà ottenere la felicità nella vita immaginaria del sogno solo attraverso il sacrificio nella vita reale, “più lui sarà sciagurato nei fatti, più sarà felice nel sogno”. Come scrive Anne Green :

À première vue, les récompenses esquissées par Flaubert restent à un niveau superficiel. S’évadant de ses déceptions quotidiennes, le héros semble se réfugier dans une vie fantastique et orientale évoquée par de menus détails stéréotypés[12].

Come invece possiamo osservare dall’esplicitazione dello scopo finale del racconto, ossia « provare che la felicità sta nell’immaginazione »[13], il ruolo della vita nel sogno, e del sogno stesso, è molto più profondo. Per citare Giorgi, ci troviamo di fronte a un sogno che ha una funzione moralizzatrice :

[…] Flaubert si preoccupa di stabilire un intimo rapporto tra gli eventi della vita reale e quelli della vita immaginaria. Si ricava chiaramente dal Plan che il protagonista non riesce ad aprire la porta dei sogni allorché è tormentato dal rimorso, ma che, in compenso, l’operazione gli riesce assai agevole quando ha la coscienza tranquilla. I sogni hanno dunque una influenza moralizzatrice sulla vita, giacchè il pittore deve agire in un certo modo per poter approdare allo stato onirico, e, d’altra parte la vita ha una diretta influenza sul sogno giacché le visioni allucinate del protagonista […] sono sempre trasfigurazioni degli eventi reali[14].

Dicevamo che il giovane poeta di Alastor, contrariamente al pittore, non trova il modo di procurarsi le allucinazioni, e anzi vive il resto del viaggio nel ricordo vivido della visione della donna velata che gli ha mostrato l’ingresso alle porte dell’ignoto, cercando di ritrovarla senza però riuscirvi. Possiamo dunque affermare che il pittore di Flaubert sia un personaggio che ha imparato dal poeta di Shelley a governare il sogno – seppur tramite il sacrificio. Possiamo aggiungere che anche la vita del poeta si articola in una spirale, ma essa non è tra la vita reale e allucinatoria, bensì tra la vita reale e la ricerca perenne di quella allucinatoria. Il poeta cerca allora di capire la Natura e i suoi misteri, tuttavia il nuovo livello di consapevolezza raggiunto fa sì che l’eroe cominci a pensare che l’unico modo di riavvicinarsi al « Vero »[15] sfiorato nella visione sia la morte. Proseguendo nel suo vagare incontra una piccola imbarcazione, « little shallop » vicino alla riva. Vi si avvicina, come guidato da un impulso irrefrenabile alla ricerca di quel sogno :

[…] Startled by his own thoughts he looked around.
There was no fair fiend near him, not a sight
Or sound of awe but in his own deep mind.
A little shallop floating near the shore
Caught the impatient wandering of his gaze.
It had been long abandoned, for its sides
Gaped wide with many a rift, and its frail joints
Swayed with the undulations of the tide.
A restless impulse urged him to embark
And meet lone Death on the drear ocean's waste ;
For well he knew that mighty Shadow loves
The slimy caverns of the populous deep. […]

L’immagine della spirale si fa ricorrente nella descrizione dell’imbarcazione vittima della tempesta : folate di vento scritte come « whirlwind », gorghi marini descritti come « whirpool » e l’immagine efficacissima delle creste delle onde paragonate a « serpents struggling in a vulture’s grasp ». La vicinanza del poeta alla morte fa sì che egli riesca a percepire la verità della Natura, l’infinito e il soprannaturale attraverso l’immaginazione. Sotto lo sguardo della luna esclama :

[…] “Vision and Love !”
The Poet cried aloud, “I have beheld
The path of thy departure. Sleep and death
Shall not divide us long !” […]

Attraverso la morte dunque, si ricongiunge all’assoluto, alla consapevolezza della verità e supera l’empasse della visione, non il sonno (dunque le visioni attraverso il sogno che non riusciva a governare) e nemmeno la morte che ormai è pronto ad abbracciare lo dividono dalla felicità della verità. È interessante notare che questo passaggio definitivo avviene proprio sotto i raggi della luna, l’astro che più di ogni altro, da Dante, ad Ariosto, a Leopardi, suscita un sentimento di colloquio e di confidenza. Non solo la luna è l’astro narrante « che racconta del cosmo e della sua armonia »[16], de tempo, dello spazio e delle sue profondità, « l’astro dove, da sempre, scienza e immaginazione si incontrano »[17], ma è anche un astro mistico per i popoli e per le religioni : per gli Egizi il Sole e la Luna viaggiano in cielo su due barche, e il quindicesimo giorno di ogni mese l’imbarcazione della luna viene assalita da una scrofa che la ferisce e la uccide, procurandole quindici giorni di agonia e pallore. Poi però la luna rinasce e il ciclo ricomincia[18]. La fascinazione di Flaubert nei confronti della luna viene esplicitata non nel plan, ma nella Salammbô : la luna è una Dea, e con la sua luce divina illumina e impreziosce tutto. Salammbô le è devota e le si rivolge così :

Con quale leggerezza ruoti, sostenuta dall’etere impalpabile ! Esso si leviga intorno a te, ed è il suo moto a dispensare i venti e le rugiade feconde. A seconda che tu cresca o decresca, si fanno più grandi o più piccoli gli occhi dei gatti e le macchie delle pantere. Le spose urlano il tuo nome nelle doglie del parto ! Tu fecondi le conchiglie ! Fai ribollire i vini, fai imputridire i cadaveri ! Formi le perle in fondo al mare !
E tutti i germi, o Dea ! fermentano nelle oscure profondità delle tue umidità.
Quando tu appari, sulla terra si diffonde la quiete ; si formano i fiori, si placano i flutti, gli uomini affaticati giacciono con il petto rivolto verso di te, e il mondo, con i suoi oceani e le sue montagne, si riflette nelle tue immagini come un uno specchio. Tu sei bianca, soave, luminosa, immacolata, ausiliatrice, purificatrice, serena[19].

L’invocazione della principessa è molto eloquente e precisa nell’elencazione di tutte le caratteristiche dell’astro a cui è devota, e nelle sue parole possiamo trovare, almeno in parte, alcune delle ragioni per cui il giovane poeta lascia la terra guardando la luna[20].

Nel plan, invece, anche Flaubert pone l’accento come Shelley sulla tematica della morte una volta raggiunta la conoscenza. Per ben due volte annuncia quale sia lo scopo del romanzo, ovvero « provare che la felicità sta nell’immaginazione » e che

La felicità consiste nell’essere Folle (o ciò che così viene chiamato) cioè nel vedere il Vero, l’insieme del tempo, l’assoluto –[21]

L’eroe del poemetto di Shelley è di fatto un folle che raggiunge l’assoluto tramite l’immaginazione che gli viene eccitata dalla vicinanza alla morte.

Anche il pittore del plan raggiunge il Vero dopo « molto tempo per arrivarci – sono state necessarie delle prove e delle culture » e anche il pittore è destinato alla morte. Flaubert scrive :

Cominciare con una lettera finale dell’eroe, che riassuma la sua opinione su tutto e annunci il suo Suicidio. È il suo testamento. (Lì ci vuole un po’ di storia) – poi si presenta un’occasione per fare del bene – e l’azione si avvia[22].

Coloro che raggiungono l’assoluto, che toccano con mano la Verità e la felicità non sono destinati a vivere in armonia con esse : come nell’antica Grecia coloro che vedevano gli Dei morivano subito dopo perché la vista del divino non era sostenibile per i mortali, l’acquisizione di una coscienza superiore non sembra essere sostenibile da parte degli eroi, o meglio, forse lo è soltanto se perpetrata all’interno dei binari di realtà e immaginazione della spirale.

 

Bibliographie

Bonaccorso, G. (1981), L’oriente nella narrativa di Gustave Flaubert – Parte Prima, Vol. II, L’influenza dell’oriente ne “L’education”, in “Trois contes” e “Bouvard e Pécuchet”, Messina : Edizioni Dott. Antonino Sfameni.

Flaubert, G. (2002), Salambò, Trad. E. K. Imberciadori, Milano : Garzanti ;

(2013), La Spirale, Trad. C. Pasetti, Il Sole 24 Ore, n. 302, 3 novembre 2013, p. 51.

Giorgi, G. (1969), Stendhal, Flaubert, Proust (proposte e orientamenti), Varese : Istituto Editoriale Cisalpino.

Greco, P. (2009), L’astro narrante – La Luna nella scienza e nella letteratura italiana, Milano : Springer.

Green, A. (1991), “Les spirales de Flaubert” in Création littéraire et tradition ésotériques, Actes du Colloque International de Pau, pp. 119-129.

Keller, L. (1966), Piranèse e les romantiques français – le mythe des escaliers an spirale, Paris : Librairie José Corti.

Pasetti, C. (2013), “Una vertigine metafisica”, Il Sole 24 Ore, n. 302, 3 novembre 2013, p. 51.

Pietromarchi, L. (1990), L’illusione orientale – Gustave Flaubert e l’esotismo romantico, Milano : Studio Guerini.

Shelley, P. B. (1816), Alastor, or the Spirite of Solitude, disponibile in http://www.poetryfoundation.org/poem/174380

 

Federica Giulia Sacchi

Nata a Milano nel 1990.

Grazie alla grande passione per la letteratura decido di frequentare il liceo classico A. Manzoni di Milano e in seguito decido di dedicare i miei studi alle humanae litterae iscrivendomi alla facoltà di lettere moderne in statale. Mi interessano letteratura italiana contemporanea, letteratura francese dell’ottocento, dal cinema, teatro e arte dell’ottocento. Ho viaggiato negli Stati Uniti, in Inghilterra e Francia, sia per fare esperienze formative, sia per studio. Mi sono laureata con una tesi in storia del cinema e sto scrivendo la mia tesi magistrale sull’odepòrica del ‘700.

 

 

 

NOTES

[1] Keller : 243.
[2] Keller : 197.
[3] Keller : 198.
[4] Vediamo in particolare l’analisi che Giorgetto fa del pantoun di Baudelaire Harmonie du soir : « Nel poema si attua infatti lo sviluppo di due temi paralleli attraverso l’incrociarsi del movimento rotatorio ascensionale di due versi ripetuti (il secondo e il quarto di ogni strofa diventano rispettivamente il primo e il terzo della seguente). La struttura a spirale della pièce si identifica così perfettamente con i movimenti elicoidali che il suo contenuto ci suggerisce. »
[5] Keller : 208.
[6] Le spirali tornano in Salammb ô a p. 146 come uno stormo di corvi che “a volte di colpo si rompeva, disegnando in lontananza grandi spirali nere” e a p. 10 come spirali bianche di fumo.
[7] Pasetti : 51.
[8] Pasetti : 51.
[9] Flaubert, trad. Pasetti : 51.
[10] Flaubert, trad. Pasetti : 51.
[11] Green : 123.
[12] Green : 126.
[13] Flaubert, trad. Pasetti : 51.
[14] Giorgi : 38-39.
[15] Flaubert, trad. Pasetti : 51.
[16] Greco : Prologo.
[17] Greco : Prologo.
[18] Greco : 36.
[19] Flaubert : 40.
[20] Una ricerca più approfondita su questo tema risulterà più appropriato in un’altra sede.
[21] Flaubert, trad. Pasetti : 51.
[22] Flaubert, trad. Pasetti : 51.


Mentions légales